Fiano IGT Puglia

Descrizione

In un passato ormai dimenticato, in Puglia si utilizzavano dei vasi in terracotta, chiamati Capasoni, dove il vino veniva vinificato e conservato. L’amore e la passione per le antiche tradizioni ha fatto si che iniziassimo a sperimentare questa tipologia di produzione, pensando a una linea esclusivamente dedicata a vasi vinari in terracotta. I vini fermentano e poi vengono fatti affinare per mesi in questi speciali contenitori, i quali a differenza del legno non cedono al vino i propri aromi e caratteristiche, ma al contrario permettono di sviluppare sentori fruttati più spiccati grazie a una micro ossigenazione.
Il Mio Fiano è ottenuto dalla varietà tipica dei territori lucani, che permettono di ottenere sapidità, freschezza e un profilo aromatico delicato ma incredibilmente ricco. Il piccolo appezzamento dove cresce il Mio Fiano è nella lontana Valle Cannella, su un terreno poco calcareo e generoso, di origine fluviale. Qui le notti nella vallata sono più fredde, e le giornate soleggiate e ventilate. Gli aromi tipicamente varietali si abbracciano a bouquet di fiori bianchi e frutti tropicali, che solo un territorio generoso come la Capitanata può donare ai suoi vini. Di incredibile piacevolezza ed equilibrio, non direste mai che incontra nel suo percorso dei vasi vinari in terracotta. Per chi vuole osare, uscire dai soliti schemi e sorprendersi ancora e ancora, ad ogni sorso.

Caratteristiche


Vitigno: 100% Fiano d'Avellino - germoplasma lucano
Titolo alcolimetrico: 12,5%
Bottiglie prodotte: 2000
Colore: giallo chiaro brillante tendente al verde
Sentori: gelsomino, fior di sambuco, pesca bianca, mela verde, mandorla, radice di liquirizia In bocca sapido, con bella acidità e fresco. Buona mineralità e lunga persistenza Provalo su degli spaghetti ai frutti di mare, su una bella orata in crosta di sale o un branzino ai ferri con una abbondante spruzzata di limone. Indimenticabile con il sushi.